Latitante dal 4 giugno. Il commercialista Andrea Agostinone è l’unico dei 35 arrestati per i fondi neri del sistema Mose a essere riuscito a scappare alle manette. L’Interpol lo cerca ancora oggi in Canada e negli Stati Uniti. La Guardia di Finanza italiana è riuscita tre settimane fa a individuare il suo yacht a La Spezia e mercoledì 2 luglio il suo aereo: un Piper. Era a Ozzano dell’Emilia, in provincia di Bologna. L’aereo, registrato negli Stati Uniti, è intestato a un trust del Delaware attraverso una società maltese, di cui però è titolare Agostinone che l’ha acquistato nel 2012 a Miami. Così hanno ricostruito le Fiamme Gialle di Venezia che ora stanno verificando tutti i piani di volo dell’aereo. Al suo interno è stato trovato il libro di Luigi Bisignani: “L’uomo che sussurrava ai potenti”. di Davide Vecchi e Antonio Massari