Un giro di prostituzione minorile è stato scoperto da un’operazione dei carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Bolzano. Due uomini, un imprenditore cinquantenne e un impiegato quarantenne, sono stati arrestati. Nel corso delle indagini, infatti, i militari dell’Arma hanno appurato che i due, con modalità indipendenti l’uno dall’altro, avevano avuto più rapporti sessuali con due ragazze di 16 e 17 anni.

L’imprenditore, più facoltoso, otteneva prestazioni in cambio di pagamento con denaro contante, cene e regali, mentre l’impiegato, con l’hobby della fotografia, corrispondeva denaro alle giovani e, probabilmente, le minacciava di divulgare alcuni scatti senza veli effettuati con l’iniziale consenso delle due.

Dopo circa due mesi di indagini è stata richiesta al gip di Trento, Francesco Forlenza, un’ordinanza di custodia cautelare che è stata poi eseguita dai carabinieri di Bolzano. I due indagati sono così finiti in carcere. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati anche pc portatili, hard disk e macchine fotografiche, il cui contenuto è ora al vaglio degli inquirenti.