Non bastavano i veleni e le polemiche per il suo addio anticipato dal Milan e gli strascichi legali per l’esonero coatto ordinato da Barbara Berlusconi e dalla società rossonera. Ora per Clarence Seedorf c’è anche un’altra gatta da pelare. Ma in questo caso è in buona compagnia, visto che l’altro protagonista della polemica è Thierry Henry. Una storia di sprechi e lussi. Sofitel Rio De Janeiro e Copacabana Palace. Sono le due strutture da sogno nelle quali alloggiano rispettivamente l’ex allenatore rossonero e il centravanti francese, opinionisti di punta scelti dalla BBC per il Mondiale in Brasile. A far discutere, oltre agli hotel nei quali risiedono, anche le richieste delle due ex stelle di Milan ed Arsenal. A far notare la disparità di trattamento rispetto agli altri giornalisti, molto più navigati, della tv inglese, è il Daily Mail.

Nel mirino della critica è finito anche un altro opinionista della BBC, Rio Ferdinand, che alloggia nella stessa struttura di Henry: entrambi, pare, nel contratto firmato con il broadcast britannico avevano specificato l’alloggio in hotel da mille e una notte per il Mondiale. Nota a margine, assieme ad Henry c’è anche il suo trainer pesonale, per permettere all’attaccante dei New York Red Bulls di mantenersi in forma per il campionato di MLS.

Più clamorosa la richiesta di Seedorf, che ha firmato con la BBC subito dopo l’esonero da parte del Milan, ed avrebbe espressamente fatto domanda di una stanza al Copacabana Palace. Un capriccio che stride un po’ con gli altri alberghi, molto più modesti, nei quali alloggiano i conduttori BBC al Mondiale, ovvero Gary Lineker ed Alan Shearer, assieme a tutti gli altri giornalisti dell’emittente. Un portavoce della BBC stessa ha fatto sapere che la scelta degli alberghi “low budget” è stata presa dai giornalisti stessi: sarà, ma intanto Seedorf ed Henry se la passano meglio di tutti.