Dopo tante offese e denigrazioni Grillo sveste i panni del comico e forse inizia a fare politicaPer la prima volta riconosce il ruolo di Renzi e apre le porte al dialogo sulle riforme.

Una mossa saggia e importante per tanti versi.

Per prima cosa il Movimento 5 stelle rompe il muro contro muro e apre al giusto confronto. Così facendo mette la parola fine alle tante parole dette in passato e prende atto che esiste un Presidente del Consiglio ed un partito di riferimento con cui discutere. Certo se lo avesse fatto prima la situazione sarebbe stata diversa e più facile da gestire. Il tutto per le positive sorti del nostro Paese.

Il Movimento 5 stelle con questa apertura può aprire ad una nuova stagione politica su tanti temi.

Così come era stato proposto sin dall’inizio. Ora i grillini potranno cercare di cambiare anche loro radicalmente le cose. La cosa importante è che non sia un fuoco di paglia. L’Italia ha bisogno di riforme urgenti e di interventi mirati per far ripartire la nostra economia. Il Movimento 5 stelle può avere un ruolo attivo e propositivo. Un ruolo completamente diverso dal passato.

Può essere utile, è questo forse Grillo lo ha capito, per eliminare a Renzi l’alibi di dire che le riforme si possono fare solo con il consenso di BerlusconiE’ un elemento nuovo molto utile al Premier per scrollarsi di dosso l’ombra continua di Forza ItaliaIn questo momento i grillini offrono un grosso assist al Pd e al suo Segretario.

Danno a Renzi la possibilità di non avere veti ed ostacoli alla riuscita delle riforme utili al Paese. L’ex Sindaco di Firenze ha dimostrato di voler fare sul serio e di non guardare in faccia a nessuno. Le riforme si faranno. E questo Grillo e Casaleggio lo hanno capito.

Stare fuori a dire sempre no e ad insultare non serve più al Movimento 5 Stelle. Ed ecco l’improvvisa apertura. Cambiamento di rotta che ovviamente non è stato deciso dalla Rete, ma questa vota direttamente dai due fondatori e capi del Movimento. Un’inversione a 360°. E questa volta non si potrà più giocare.

Bene ha fatto Renzi ad accettare e a mettere in evidenza alcuni punti. Con questa mossa lo scenario e il quadro politico hanno un improvviso stravolgimento. Finalmente si può parlare e dialogare ognuno con il rispetto del proprio ruolo ma nessuno con posizioni di predominanza e di veto. Grillo e Casaleggio dopo tante mosse sbagliate, da ultima l’alleanza con Farage, per la prima volta scende nel vero agone politico e i tanti tabù e i tanti pregiudizi vengono spazzati via.

Bello sarebbe ora capire se la Rete è d’accordo con questa nuova scelta di Grillo e Casaleggio. Ma va benissimo così. Il Movimento 5Stelle si decide finalmente a diventare un partito e a fare politica. Speriamo sia la volta buona soprattutto per l’Italia.