La notizia è clamorosa e, se confermata, rappresenterebbe il primo, enorme problema per i Mondiali di Brasile 2014. La nazionale del Camerun, inserita nel gruppo A con Brasile, Messico e Croazia, potrebbe non presentarsi in Sudamerica per il via della competizione. Il motivo? La compagine africana dell’asso Samuel Eto’o starebbe pensando ad un boicottaggio a causa del mancato accordo con la federazione sui premi per i giocatori. L’indiscrezione è riportata dal sito locale Camfoot.com e la notizia è subito rimbalzata sui media brasiliani, che hanno evidenziato come il Camerun potrebbe non prender parte al debutto col Messico.

A leggere il calendario, Eto’o e compagni esordiranno il 13 giugno a Natal contro la Tricolor. A questo punto, però, il condizionale è d’obbligo. La situazione del resto non è semplice perché i giocatori africani avevano già minacciato di non scendere in campo nell’ultima amichevole contro la Moldavia: alla fine il match si è disputato ma diversi big come Eto’o e Choupo Moting non sono scesi in campo e al termine della gara tutti i calciatori hanno lasciato il terreno di gioco in segno di protesta senza ascoltare il discorso di saluto delle autorità locali, come previsto dal programma.

Subito i media locali hanno legato queste assenze al problema dei premi. In sostanza i nazionali del Camerun pretenderebbero il pagamento anticipato e in contanti del premio, e avrebbero minacciato di non salire sull’aereo previsto per domenica mattina ora brasiliana.