A meno di un mese dalla polemica sull’apertura notturna del Colosseo, poi superata con l’accordo raggiunto tra Cgil, Cisl e Uil e la soprintendenza romana, la Capitale torna protagonista con una serie di iniziative istituzionali legate all’arte, e anche allo sport.

In occasione del centenario del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha affidato al curatore Bartolomeo Pietromarchi, l’ideazione di tre progetti che, a partire da domenica 8 giugno, giornata Game Open con ingresso libero in tutti gli impianti sportivi, animeranno la zona del Foro Italico:

Titina Maselli. Essere in movimento, presso la Casa delle Armi (dal 10 giugno al 26 luglio) è la prima grande retrospettiva dedicata all’artista dopo la sua scomparsa. In esposizione una serie di opere raffiguranti atleti colti nel pieno dell’azione ed elaborati dalla pittrice romana. “Il Coni – dichiara il Presidente Giovanni Malagò – è particolarmente orgoglioso di ospitare la mostra dedicata a Titina Maselli e ai suoi atleti all’interno di uno dei gioielli dell’architettura razionalista italiana, la Casa delle Armi di Luigi Moretti, che diventa così una delle sedi principali delle celebrazioni del Centenario, in occasione del quale il mondo dell’arte si avvicina a quello della musica e del cinema per celebrare il Coni e, più in generale, lo sport e i suoi insegnamenti”.

Il progetto di arte pubblica Iconica (dall’8 giugno al 21 settembre) è invece un percorso urbano con 100 immagini dei più importanti e promettenti artisti italiani e internazionali, tra cui Marina Abramovic, Maurizio Cattelan e Michelangelo Pistoletto. Oltre sessanta immagini allestite tra il Ponte della Musica Armando Trovajoli e il Ponte Milvio con l’installazione sonora 12h di Donato Dozzy, compositore di musica tecno e house ipnotica, che accompagnerà il pubblico per tutto “il viale delle arti”.

Una buona occasione per chiedersi, ancora una volta, che cos’è lo sport e riconsiderare l’arte come qualcosa che rende migliori.