Il commissario alla Spending Review, Carlo Cottarelli, sul suo blog annuncia il suo giro di vite contro gli sprechi della Pubblica amministrazione. Da subito partiranno i controlli della Guardia di finanza e della Ragioneria sulle amministrazioni pubbliche che acquistano a prezzi superiori agli standard Consip (la centrale acquisti per la pubblica amministrazione) alcuni prodotti come elettricità, gas, carburanti, telefonia.

La nuova strategia per restringere le maglie larghe della pubblica amministrazione è delineata nel decreto legge Irpef, che Cottarelli definisce “una riforma radicale del modo con cui la pubblica amministrazione” spende i soldi per i beni e i consumi necessari. In pratica, spiega ancora il commissario, i controlli saranno effettuati anche dall’incrocio di banche dati. L’obiettivo è quello di individuare i settori più “a rischio anche in base alle richieste di ispezione e verifica che il Commissario Straordinario può richiedere”. “Chi non è in regola si adegui rapidamente – avverte Cottarelli nel suo post – “Il Dl 66 consente in proposito la rinegoziazione dei contratti di acquisti di beni e servizi in essere)”.

L’altro freno sarà rappresentato dall’introduzione dei “prezzi benchmark“. Ovvero prezzi ai quali la Pubblica amministrazione dovrà fare riferimento per i suoi acquisti e che verranno resi pubblici dal ministero dell’Economia entro il 10 luglio. Subito dopo la loro pubblicazione, sottolinea il commissario, “potranno partire i controlli sul rispetto” dei parametri fissati per evitare sforamenti sugli acquisti, e quindi nuovi sprechi.