“Chi corrompe fa male alla comunità e al mercato, grave danno alla concorrenza e ai suoi colleghi. Queste persone non possono stare in Confindustria”. Così ha tuonato pochi giorni fa Giorgio Squinzi, ma un articolo inchiesta del Fatto fa una panoramica degli imprenditori di viale dell’Astronomia incappati in vicende giudiziarie. Poi ci occuperemo delle vendite legate alle case popolari rivendute a prezzi di mercato anche se le norme, in teoria, non dovevano permettere questa speculazione, specie sulla piazza di Roma. Inoltre Beppe Scienza ci spiega perché l’abolizione delle monetine da uno o due centesimi di euro nasconderebbe una tassa occulta sulle tasche degli italiani. Ci vediamo ‘In edicola’: ogni sera le anticipazioni su ilfattoquotidiano.it (riprese e montaggio Samuele Orini e Paolo Dimalio, elaborazione grafica Pierpaolo Balani). Tutte le offerte di abbonamento al Fatto Quotidiano