Bistrattato, derubricato, svalutato, con poco appeal. Eppure il campionato italiano, nonostante una crisi economica e di risultati con pochi precedenti, continua a ospitare calciatori ‘mundial’. Ora infatti è ufficiale. Con la diramazione di tutte le convocazioni delle 32 squadre partecipanti alla kermesse iridata e a una settimana dall’inizio del torneo, sono 82 i giocatori della Serie A che prenderanno parte al Mondiale in Brasile, 84 se si tiene conto anche dell’uruguaiano Hernandez, attaccante del Palermo, ed Oduamadi del Varese, inserito fra i 23 della Nigeria. Juventus e Napoli sono le due squadre che forniscono più giocatori alle varie Nazionali: 12 a testa, con l’Italia di Prandelli che accoglie sei giocatori del blocco bianconero, mentre a tenere alta la bandiera partenopea nelle file azzurre c’è Lorenzo Insigne, dopo l’esclusione di Maggio. Sul secondo gradino del podio, in coabitazione, ci sono le due milanesi: Inter e Milan mandano otto giocatori a testa. Tre “nerazzurri” agli ordini del ct argentino Sabella (Campagnaro, Alvarez e Palacio), mentre i rossoneri a Coverciano sono Abate, De Sciglio e Balotelli. Nonostante il secondo posto in campionato, la Roma di Garcia manda solamente cinque elementi in Brasile, Pjanic e De Rossi su tutti, accodandosi dietro al Parma, sei giocatori, ed i cugini laziali, con ben sette pedine che parteciperanno alla fase finale del Mondiale.

Anche le squadre retrocesse in B in questa stagione non fanno mancare il loro apporto alle Nazionali: i greci del Bologna, Konè e Christodoulopoulos, più l’uruguaiano Perez rappresenteranno il club felsineo, con Mesbah del Livorno per l’Algeria, mentre Andujar del Catania difenderà i pali dell’Argentina. Da queste convocazioni sono rimasti fuori undici giocatori rispetto ai 95 pre-convocati complessivi provenienti da Serie A e B: eccellenti l’esclusioni di Fernando Llorente, con il basco lasciato a casa da Del Bosque per il convalescente Diego Costa, e Pepito Rossi della Fiorentina.

La lista completa dei giocatori convocati, squadra per squadra:

Juventus 12 (Asamoah, Lichtsteiner, Caceres, Vidal, Isla, Pogba, Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Pirlo, Marchisio)
Napoli 12 (Henrique, Ghoulam, Mertens, Fernandez, Higuain, Inler, Dzemaili, Behrami, Reina, Albiol, Zuniga, Insigne)
Inter 8 (Hernanes, Taider, Kovacic, Campagnaro, Alvarez, Palacio, Nagatomo, Guarin)
Milan 8 (Muntari, Essien, Honda, Zapata, De Jong, Abate, De Sciglio, Balotelli)
Lazio 7 (Helder Postiga, Klose, Onazi, Lulic, Biglia, Gonzalez, Candreva)
Parma 6 (Acquah, Obi, Gargano, Paletta, Parolo, Cassano)
Roma 5 (Pjanic, Gervinho, Torosidis, Maicon, De Rossi)
Torino 4 (Tachtsidis, Darmian, Cerci, Immobile)
Bologna 3 (Konè, Christodoulopoulos, Perez)
Fiorentina 3 (Rebic, Cuadrado, Aquilani)
Genoa 3 (Fetfatzidis, Vrsaljko, Perin)
Atalanta 2 (Yepes, Carmona)
Cagliari 2 (Ibarbo, Pinilla)
Udinese 2 (Badu, Yebda)
Livorno 1 (Mesbah)
Catania 1 (Andujar)
Chievo 1 (Obinna)
Sassuolo 1 (Ziegler)
Hellas Verona 1 (Moras)

I convocati dalla Serie B:

Varese 1 (Oduamadi)
Palermo 1 (Hernandez)