Matteo Renzi ha detto di aver tolto tutte le forme di segreto, ma perché allora non inizia con il togliere anche il segreto sul patto del Nazareno che è incompatibile con la politica?”. Così il costituzionalista, Stefano Rodotà, durante il suo intervento alla giornata organizzata a Modena dall’associazione politica ‘Libertà e Giustizia’ in occasione del 2 giugno. “La legalità costituzionale – ha spiegato ancora Rodotà, riferendosi al risultato elettorale ottenuto dal Pd – non è disponbile, non può essere travolta da un voto quale che esso sia”. Tra i protagonisti del pomeriggio anche Gustavo Zagrebelsky, Sandra Bonsanti, Lorenza Carlassare, Marco Travaglio, Elisabetta Rubini, Carlo Smuraglia, Giancarlo Caselli, Alberto Vannucci, Paul Ginsborg e Gaetano Azzariti  di David Marceddu