All’indomani della liberazione del sergente statunitense Bowe Bergdahl in cambio di 5 detenuti afghani a Guantanamo il Mullah Omar esprime in una nota la sua soddisfazione: “Rivolgo le mie felicitazioni al popolo musulmano afghano, a tutti i combattenti di Dio e alle famiglie dei prigionieri per questa grande vittoria”. Secondo il capo dei talebani afghani, infatti, si tratta di “una grande vittoria“. 

Il militare, rilasciato a cinque anni dal suo sequestro, era l’unico prigioniero di guerra americano nelle mani degli afghani. Bergdahl è arrivato oggi in Germania, al centro medico di Landstuhl, dove sarà sottoposto a cure mediche. La liberazione è avvenuta in seguito a una settimana intensa di trattative, con la mediazione del governo del Qatar; il sergente è stato poi prelevato dalle forze speciali americane in elicottero e trasferito nell’est del paese. I cinque detenuti afghani a Guantanamo saranno invece presi in custodia dal Qatar.