Un risultato straordinario. Oltre ogni attesa. Ma il mio pensiero va alle tante brave persone e sostenitori del Movimento 5 stelle. Molte delle vostre idee e del vostro malcontento è condivisibile e  giusto. Il Pd con le sue dialettiche interne, anche aspre, ha dimostrato di sapersi rigenerare e dare risposte.

Un Pd oltre il 40% dei consensi non era neanche ipotizzabile. Un consenso enorme e su tutto il territorio. Il Movimento 5 stelle ha pagato la mancanza di incisività e di proposte di Grillo. Le continue e ripetute offese e denigrazioni senza mai parlare di Europa.

I numeri sono chiari. I grillini hanno perso circa 3 milioni di voti rispetto alle ultime politiche. Il Pd invece ha preso ben 3 milioni di voti in più. Un dato forte e chiaro.

Ed allora un invito agli amici grillini: eliminate le offese e la rabbia, apritevi e discutete di politica insieme a noi. Gli insulti non vi servono. Avete validi argomenti. Non abbiate il timore di criticare Grillo. In un movimento e in un partito non può esistere un pensiero unico. Le vostre continue epurazioni e contraddizioni vi hanno danneggiato in  maniera pesante. Utilizzate questo segnale per riflettere e non perseverare. Altrimenti le vostre importanti energie andranno inesorabilmente disperse.

Avete un’importante patrimonio elettorale che non potete buttare per la vostra rabbia cieca. Abbiate il coraggio di fare autocritica e non gridate al solito complotto. La politica è democrazia e partecipazione.

Il Pd in questo ultimo periodo ha saputo soffrire e mettere in campo i suoi uomini migliori. Ha saputo rigenerarsi e fare autocritica. Cerca di governare nonostante tutto e tutti. L’Italia ha dato un inconfutabile segno di cambiamento. Forza Italia è praticamente inesistente.

Cari amici grillini, ascoltate il consiglio: aprite un nuovo dialogo e lasciate da parte i continui insulti. Dateci una mano a sollevare le sorti di questo Paese. I no continui non servono a voi e non servono al Paese.