“Dal momento che Panorama manda i propri clienti in vacanza tramite un concorso, abbiamo preso questa promozione come spunto per fare la nostra protesta, perché noi siamo 65 prossimi licenziati e in vacanza ci andremo davvero, per sempre e senza stipendio”. Sotto gli ombrelloni, indossando abiti da mare e con paletta e secchiello alla mano, i dipendenti del gruppo degli ipermercati Brek-Pam-Panorama protestano davanti il punto vendita di via Tiburtina, per scongiurare l’ipotesi del licenziamento annunciata da una lettera ricevuta alla fine di aprile scorso. “I bilanci del gruppo risultano in attivo – dice Giancarlo Desiderati, segretario provinciale del sindacato Flaica Cub Roma – e sui siti web di Panorama ci sono annunci di ricerca personale. Eppure la proposta dell’azienda, a fronte dell’interruzione di 65 contratti a tempo indeterminato, sono due contratti part-time a Milano”. “Dietro la scusa della crisi – spiega un dipendente da 11 anni – c’è solo il tentativo di cambiare la forza lavoro per offrire nuovi posti con contratti favorevoli per l’azienda e non per i dipendenti”  di Paola Mentuccia