“Crisi greca, dall’euforia dei mercati alla realtà europea: inganno o svolta?”; è questo l’interrogativo al centro dell’ultimo libro di Francesco De Palo, “Greco. Eroe d’Europa”, di cui si discuterà questo pomeriggio alle 18 alla Biblioteca Comunale Sormani di Milano. Oltre all’autore parteciperanno all’incontro Nikos Frangos (Presidente Centro Ellenico di Cultura), Giuseppe Ciulla (giornalista e autore televisivo) e Aldo Pirola (delegato per le relazioni interbibliotecarie italiane ed estere). 

Nel corso del dibattito si cercherà di analizzare il “caso Grecia”, leggendolo alla luce di quanto sta accadendo in Europa e nel mondo in seguito all’effetto della crisi economica planetaria. L’incontro sarà anche un modo per ragionare sulle politiche anti-crisi messe in atto dai vari stati in un momento storico così delicato.

Il libro di De Palo fotografa l’aspetto economico della Grecia di oggi, da tempo alle prese con la disperazione e la fame, a cui si sono aggiunti gli scandali, gli sprechi e l’inquietante fenomeno di Alba dorata. Ma in contrapposizione a questo difficile ritratto si rincorrono storie di coraggio, passate e presenti, alte ed edificanti che questa terra esprime da millenni. Secondo l’autore è proprio da queste storie che bisogna ripartire per invertire il trend negativo che ha investito il Paese negli ultimi anni. 

Sulla copertina di “Greco. Eroe d’Europa” ci sono i riflessi di un’acqua cristallina e poi uno strappo, dal quale fuoriescono alcune mani con il palmo aperto: è il gesto della mounza, il simbolo della reazione alla troika e al governo di Atene durante i giorni della protesta in piazza, quando i greci si facevano fotografare con le mani alzate contro il Parlamento.