I Palazzi dei Rolli aprono le porte a visitatori e turisti curiosi di conoscere la storia di Genova attraverso le vicende pubbliche e private delle sue grandi famiglie. In occasione dei Rolli Days 2014, sabato 24 e domenica 25 maggio, la città è pronta a regalare il suo fascino misterioso attraverso le visite di luoghi che normalmente rimangono chiusi al pubblico. I Rolli sono elenchi nei quali, al tempo dell’antica Repubblica di Genova, venivano inseriti palazzi e dimore eccellenti delle famiglie nobili che erano solite ospitare le alte personalità in visita: 42 dei 114 palazzi iscritti ai Rolli sono diventati, nel 2006, Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

La gita domenicale all’insegna della cultura può essere fatta in autonomia oppure può essere allietata dalla presenza di giovani guide turistiche, gli studenti dell’Università di Genova, che accompagneranno i visitatori all’interno dei palazzi illustrandone le bellezze artistiche. I ragazzi saranno facilmente riconoscibili, perché aspetteranno i turisti accanto ai palazzi segnati a fianco con un cartello in rosso. E per non trascurare il lato gastronomico della festa (la cucina ligure con i suoi sapori tipicamente mediterranei non delude mai), nella giornata di domenica saranno 320 gli esercizi fra bar e ristoranti che rimarranno aperti, per continuare l’operazione di accoglienza già lanciata a Pasqua dalla Camera di Commercio di Genova in collaborazione con il Comune e le associazioni di categoria Ascom e Confcommercio e Confesercenti della città ligure. In questo caso si ampliano le zone in cui si svolge l’iniziativa: Pegli, Principe, Porto antico, Caricamento, via Cairoli, via Garibaldi, centro storico, via San Lorenzo, via Venti Settembre, Brignole, Foce, corso Italia, Albaro, fino a Nervi.

Fra le 24 dimore nobiliari visitabili, alcune sono aperte gratis sia sabato 24 che domenica 24, dalle 10 alle 19: la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, il Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, il Museo di Palazzo Reale e i musei di Strada Nuova, Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi. Quattordici di questi prestigiosi palazzi ospiteranno opere delle collezioni di Villa Croce. Per la prima volta aperti al pubblico Palazzo Battista Centurione e Palazzo Cattaneo della Volta.

www.puntarellarossa.it