Quando le televisioni britanniche, la scorsa notte, hanno mostrato le prime pagine dei giornali oggi in edicola, gli stessi presentatori del piccolo schermo hanno sobbalzato nel leggere la notizia. “Putin ora si sta comportando esattamente come Hitler”, avrebbe detto a una signora canadese, secondo la copertina del Daily Mail, il principe Carlo. La famiglia reale britannica non è immune alle gaffe, di cui è grande esperto il marito della regina Elisabetta e padre di Carlo, duca di Cornovaglia. Ma ora, riferendosi ai fatti ucraini, il principe sembra aver osato un po’ troppo, al punto che proprio nelle ultime ore sulla vicenda sono intervenuti parlamentari e politici di ogni parte politica.

Come il deputato laburista Mike Gapes, che ha dichiarato: “Il principe Carlo ora dovrebbe abdicare e correre per regolari elezioni”. I reali del resto sono sempre meno rivestiti di sacralità nel Regno Unito, ma questa volta a pesare sull’immagine di Carlo è una mossa poco corretta – almeno considerando la formalità “british” – verso un alleato del Regno Unito su molti fronti, economici ed energetici soprattutto, e verso il leader russo che proprio Carlo dovrà incontrare faccia a faccia il prossimo 6 giugno, alle commemorazioni in Francia del D-Day, lo sbarco in Normandia. Secondo le accuse del Daily Mail, Carlo avrebbe pronunciato la frase sfortunata mentre era in visita al Museo dell’Immigrazione di Halifax, in Canada.

Proprio in questi giorni, Carlo e Camilla, duchessa di Cornovaglia, sono in viaggio nel paese nordamericano e hanno in programma 41 incontri pubblici in tre giorni e mezzo. E Carlo avrebbe paragonato Putin a Hitler parlando – dice il tabloid britannico – con Marienne Ferguson, una volontaria del museo scappata in Canada con la famiglia di origine ebraica, fuggendo dalla città polacca di Danzica quando aveva tredici anni. Mentre visitava il museo, Carlo ha potuto ascoltare la sua storia e di qui, secondo le ricostruzioni e la testimonianza della donna, l’infelice commento. La gaffe dell’erede al trono del resto richiama anche quella di Hillary Clinton, che lo scorso marzo disse che le azioni di Putin erano “come quello che Hitler fece negli anni Trenta”.

Certo, le parole dell’ex first lady ed ex segretario di stato americano erano state più posate e controllate, e a rendere le dichiarazioni di Carlo ancora più sorprendenti, scrive il Daily Mail, “l’inusualità per di un membro della famiglia reale di esprimere pubblicamente la sua opinione riguardo a un tema diplomatico chiaramente così scottante”. Le accuse delle ultime ore arrivano appunto da tutto lo spettro politico britannico, anche se il partito conservatore pare essere il più attento a rispettare le azioni del principe. “Carlo ha il diritto di esprimere le sue opinioni personali”, hanno detto nelle ultime ore molti appartenenti del partito dei Tory.