“Sono convinto che se ci impegniamo le tasse possiamo pagarle con un sms“. Un progetto realizzabile secondo Matteo Renzi, che durante un incontro nella redazione del periodico del terzo settore Vita è tornato a parlare di tasse e di riforma della pubblica amministrazione. Per farlo è necessario “un pesante e poderoso sforzo di cambiamento che stiamo cercando di imporre e imprimere alla pubblica amministrazione”.  L’Italia è “un Paese che incasina le cose semplici” ma le tasse bisogna pagarle “con maggiore semplicità. Bisogna arrivare ad un meccanismo in cui lo Stato non può chiedere un certificato che già ha, cosa peraltro già prevista dalla Bassanini”.

Gli risponde Antonio Di Pietro, presidente dell’Idv, che durante un intervento a Cagliari ha smontato così i propositi di Renzi: “Qua non pagano le tasse neppure quando arrivano i carabinieri, anzi pretendono di farla franca. Ma in quale paese vivi?  O sei ingenuo o sei un venditore di fumo. Basta spararle grosse“. 

Ma Renzi non si ferma e nel suo processo di semplificazione c’è spazio anche per un’ampia riforma del fisco, che il presidente del Consiglio punta a varare già nei prossimi mesi: “In un Paese normale, l’Agenzia delle Entrate è partner dei cittadini, mentre da noi è controparte”, anche se questo non avviene “per colpa dell’Agenzia delle Entrate”, aggiunge Renzi. Intanto, il prossimo appuntamento del governo è già segnato nell’agenda del premier: la riforma del terzo settore arriverà in Consiglio dei Ministri il 27 giugno. Renzi ha aggiunto: “Abbiamo ancora qualche settimana per approfondire bene coperture e anche le verifiche che ci state imponendo”. 

La rapidità che ha caratterizzato i primi mesi dell’esecutivo sembra lasciare spazio a una maggiore ponderazione dei programmi: “Per le rivoluzioni si fa un passo alla volta“, poi fa l’esempio della scuola: “Il tema dell’edilizia scolastica è parziale” perché “la questione educativa è centrale. Ma io non sono credibile se pongo quella questione senza aver risistemato le scuole”. Per questo il governo sta portando avanti un “percorso di profonda modifica strutturale del nostro Paese”, cercando di “coinvolgere tutti prima”: Ma Renzi sembra ottimista: “Penso che ci stiamo riuscendo”.