È inutile negarlo. Il Movimento 5stelle non ha mai fatto conoscere i suoi candidati prima delle Elezioni Politiche ne tantomeno per queste Elezioni Europee. Perché non è Grillo il candidato ma coloro che dovranno prendere le preferenze per essere eletti.

Sono concetti banali ma in questa confusione mediatica e strategica di tutto si parla ma le voci sono sempre le stesse. E i candidati per le Europee di Grillo dove sono? Chi sono?

Perché sono loro che devono essere eletti e conosciuti. Quando si vota con le preferenze e si deve scegliere qualcuno devi almeno conoscere chi è e cosa fa nella vita. Troppo facile stare dietro al fenomeno mediatico.

So che pioveranno insulti per questa mia semplice domanda ma fatevene una ragione. I candidati del Movimento 5stelle non li conoscete neanche Voi. E li voterete a scatola chiusa. Inutile negarlo.

Poi ognuno è libero di scegliere chi vuole ma in questo caso non sta votando per una persona. Anche perché non sa neanche chi è. Vota semplicemente il Movimento.

E’ molto probabile che molti elettori del Movimento 5Stelle andranno a votare pensando di mettere solo una x sul simbolo del “Partito” di Grillo. Ma per attribuire un voto ad una persona dovranno scrivere almeno il suo cognome. E lì verrà il bello.

Sono le persone che dovranno andare a rappresentare l’Italia in Europa. Non è ne Grillo né Casaleggio.

E soprattutto non è un referendum contro il Governo attuale. Ormai tutte le campagne elettorali vengono condizionate dai vari argomenti e personaggi più in vista ma i reali contenuti non vengono affrontati. Il tormentone di Grillo è l’offesa quotidiana sempre più spinta con richiami a personaggi storici poco degni di una società civile.

E siamo sempre alla solita farsa.

Il fenomeno Grillo è destinato a spegnersi nel momento in cui il suo portavoce perderà le sue armi più in voga. I comizi-spettacolo non potranno andare avanti per sempre.

Giocare a sfasciare tutto senza mai avere un risvolto costruttivo non potranno andare lontano. Per queste Europee dove nessuno conosce i candidati del Movimento, Grillo ha fatto di tutto. Oggi andrà anche dal quel giornalista –conduttore, Bruno Vespa, che prima veniva considerato il male assoluto da debellare.

Insomma Grillo si diverte a fare il suo vero ruolo: lo showman. E’ riuscito per colpa della mala politica a catalizzare tanto malcontento e tante persone ma il problema è capire dove questo sentimento andrà a parare. E soprattutto quali persone dovranno rappresentare questa parte politica.

In ogni caso una cosa è certa. Se negli altri casi i singoli candidati vengono analizzati e vagliati nel caso del Movimento 5Stelle nessuno andrà a votare conoscendo il proprio eventuale rappresentante. Che vi piaccia o no, questa è la realtà.