Il 31 ottobre inizierà il processo in cui dovrà rispondere di peculato. Quando, a febbraio, fu nominato sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo (Pd) era “solo” indagato. Da due giorni, invece, è nella lista degli imputati del governo Renzi, accanto a Filippo Bubbico. L’inchiesta è quella sull’uso illecito di fondi per le spese politiche e di rappresentanza durante la scorsa legislatura: gli si contesta l’uso illecito di una somma di poco superiore a duemila euro. Ora che De Filippo è imputato, cosa faranno il Partito democratico e il governo? Si deve dimettere? “Vedremo, conosco De Filippo come una persona molto seria – dichiara un imbarazzato Graziano Delrio (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) – sono sicuro che farà valere le sue ragioni. Dimissioni? Valuterà lui, non rispondo”  di Manolo Lanaro