E’ scontro fra Pd e Movimento 5 Stelle sulla richiesta di arresto per il deputato Francantonio Genovese, che si è auto sospeso dal Pd, accusato di associazione a delinquere, peculato e truffa. Dopo il via libera della Giunta per le Autorizzazioni, l’aula di Montecitorio avrebbe dovuto pronunciarsi sul caso del deputato messinese ma una serie di decreti in scadenza hanno rinviato il voto. “E’ una vergogna – tuona la deputata M5S Carla Ruocco – il Pd sta facendo ostruzionismo presentando ordini del giorni al dl lavoro”. Considerando la settimana di pausa prima delle elezioni europee, si affaccia la possibilità di uno slittamento dopo il 25 Maggio: “E’ una strategia del Pd – continua Ruocco – Genovese è un campione di preferenze in Sicilia e i democratici non vogliono rinunciarvi. Noi siamo per il voto palese perchè altrimenti qualcuno di sicuro si farà corrompere”. “Non capisco questo accanimento – spiega il deputato dem Walter Verini – ci sono dei decreti in scadenza, il voto su Genovese procederà, come è successo in giunta, con i tempi previsti”  di Annalisa Ausilio