Da Roma ladrona all’Europa criminale che impoverisce il Paese. Si chiude proprio nella Capitale il Basta Euro tour della Lega Nord del segretario federale Matteo Salvini, ultima tappa stamane al teatro Flavio. “Siamo gli unici a dire la verità e a proporre cose concrete – afferma il leader del partito padano – vogliamo uscire dalla gabbia dell’euro, abolire la funesta legge Fornero sulle pensioni, proponiamo una regolamentazione della prostituzione, la gente dal Nord al Sud ci segue con interesse”. Da domani la campagna elettorale di Salvini continua, in giro con un camper per cento città italiane. “Non copiamo Grillo, semmai è lui che copia la Lega, anche se tradisce gli elettori, perché poi si dice contro il reato di clandestinità e non vuole l’uscita dall’euro”. “Il referendum è una stronzata propinata da un funambolo, bisogna dire basta alla moneta unica che ha impoverito l’Italia”, aggiunge l’ex parlamentare europeo Mario Borghezio. “Ci chiamano populisti, ma per noi come la Le Pen in Francia ci sono due emergenze l’Euro e l’immigrazione clandestina – afferma dal palco Salvini – siamo populisti se diciamo prima gli italiani che gli stranieri? O riprendiamoci la nostra moneta? Allora sono orgoglioso di essere populista”  di Irene Buscemi