“Non è vero che ci sono tagli indiscriminati nell’azione del governo. Ci sono le coperture e ci sono le cosiddette clausole di salvaguardia. I tagli indiscriminati non ci sono, ci sono tagli di secondo ordine se le misure previste non sono realizzabili. Per criticare le misure del Governo  bisognerebbe leggerle con cura”. Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha risposto agli studenti che lo hanno contestato alla Sapienza di Roma in occasione della presentazione del suo libro ‘La diversità come ricchezza‘. “È falso – ha aggiunto Padoan – che ci siano tagli come quello al Fondo finanziamento ordinario dell’università. L’azione del governo viene vista come peggiorativa di comparti come la scuola, la sanità e il reddito. Ma non sono d’accordo: c’è una forte redistribuzione del reddito a favore di famiglie e imprese che viene finanziata con un processo che nel giro di 2/3 anni porterà a tagli di spesa pubblica”   di Manolo Lanaro