Massimiliano Toscano, militante del Movimento 5 stelle “della prima ora” e consigliere di zona a Milano, lascia e passa al gruppo misto. “Mi hanno deluso – racconta ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – perché c’è troppo immobilismo”. Secondo l’ex grillino, a Milano non si mette in atto il programma che si aveva in mente. “E soprattutto sui temi ambientali e di degrado urbano – che sostiene di aver segnalato senza esito alcuno – dai vertici non arrivano le risposte che mi aspettavo”. I portavoce del Movimento a Milano minimizzano: “Succede quello che capita in tutte le famiglie”, spiega Andrea Galluzzi, che precisa: “A Milano continuiamo ad essere uniti. Certo, mi aspettavo che Toscano, mancata la riconferma semestrale uscisse del tutto dalla politica, invece ha aderito al gruppo misto”. Pronta la risposta dell’interessato: “Ecco un altro problema e un’altra anomalia del Movimento: noi consiglieri locali ogni sei mesi abbiamo da passare attraverso la ‘riconferma’ della base, dei nostri elettori. Mentre a livello più alto, regionale e nazionale, no. Perché? Che fine ha fatto il principio “uno vale uno”?”  di Fabio Abati