Nel Movimento 5 Stelle sento una gran puzza di fascismo. Lo avverto quando sento certe terminologie, come quelle usate a Piombino da Grillo, che mi parla di ‘peste rossa’“. Così Vauro commenta l’attacco odierno di Beppe Grillo a Michele Santoro. Ospite de “L’aria che tira”, su La7, il vignettista puntualizza: “Non mi stupisce quello che ha scritto Grillo su Santoro nel suo blog. Lui è abituato a fare le liste di proscrizione, rientra nella sua cultura. Anch’io sono stato spesso molto gratificato dagli insulti su internet dalla cosiddetta democrazia diretta”. E aggiunge: “In questi adepti del guru Grillo il livello di fanatismo è molto più elevato rispetto a quello che c’è nel Pd. Ma non credo che ci sia una possibilità di cultura politica finché questo nostro Paese crede di poter delegare i suoi problemi al salvatore di turno. E credo ancora meno” – continua – “che ci sia una chance di uscire almeno minimamente dal pantano in cui siamo immersi se continuiamo a delegare a un tizio o a un caio, si chiami Grillo, Renzi o Berlusconi, la soluzione di questi problemi perché sono loro che li stanno provocando“. Vauro sottolinea: “Grillo teorizza l’era post-ideologica, cioè il superamento di destra e sinistra, però, se si studiasse un po’ la storia di questo paese, vedremmo che è stata la teoria che ha dato origine al fascismo storico in questo Paese. Destra e sinistra non sono due categorie astratte, ma la rappresentazione dinamica degli interessi di classi sociali diverse, interessi che spesso non sono conciliabili se non attraverso un conflitto”