“Non è una questione che riguarda solo me, ma la società intera. Quello che chiedo sono provvedimenti concreti, prima di tutto l’introduzione del reato di tortura”. Così Patrizia Moretti mamma di Federico Aldrovandi, il diciottenne ucciso dai poliziotti nel 2005, in conferenza stampa a Roma dopo gli applausi tributati dal congresso del Sap per gli agenti colpevoli dell’omicidio. “Gli agenti che hanno ucciso mio figlio sono tornati in servizio, nonostante abbiano disonorato la divisa. Avrebbero dovuto essere radiati dal corpo”. Al Senato con lei, il Presidente della Commissione Diritti Umani Luigi Manconi (Pd). “Una parte della polizia che ha comportamenti violenti – chiosa il senatore – è malata. Questo è un problema per la società e la democrazia”  di Annalisa Ausilio e Silvia D’Onghia