“Bisogna arrivare a una pacificazione per far sì che fatti simili non si ripetano”. Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha voluto ricordare con queste parole Sergio Ramelli, il giovane militante del Fronte della gioventù morto il 29 aprile del 1975 a seguito di un’aggressione da parte di attivisti legati ad Avanguardia operaia. Intorno alle 15 il primo cittadino è arrivato ai giardini dedicati al giovane e ha deposto una corona di fiori sulla targa a lui dedicata. “Un gesto di distensione“, ha detto Pisapia nel tentativo di stemperare le tensioni della giornata quando due cortei di opposti colori attraverseranno la città: quello dell’estrema destra che si radunerà in piazzale Susa e la manifestazione della sinistra antagonista che partirà da piazza Oberdan  di Alessandro Bartolini