Poco, ma anche la Fondazione Cariplo prende le distanze dai salotti. E così ha deciso di affidare in gestione la partecipazione in Intesa Sanpaolo a Quaestio Capital Management Sgr. Lo ha reso noto lo stesso ente lombardo in sede di approvazione del bilancio 2013. “Con l’affidamento in gestione della sua partecipazione in Intesa Sanpaolo (4,948% del capitale) la Fondazione – si legge in una nota – continua a svolgere il suo ruolo di investitore di lungo periodo nella Banca, ribadendo completa fiducia nel nuovo management, ma realizza al contempo una piena diversificazione del patrimonio, in coerenza con i suoi obiettivi istituzionali”.

“Con questo passaggio – afferma il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – avvenuto nel momento opportuno, Fondazione Cariplo aliena solo i rischi finanziari della partecipazione, ma ne mantiene i diritti di proprietà (dividendo e voto)”. L’operazione, aggiunge, “è quindi virtuosa per diversi motivi tra cui: dal punto di vista finanziario oggi rappresenta un vantaggio per la Fondazione perché le permette di ottimizzare il rendimento del patrimonio nel tempo per meglio finanziare le attività filantropiche; dal punto di vista istituzionale, non cambiano le relazioni con la banca per la quale nutriamo assoluta fiducia nella gestione, anche in relazione al piano industriale recentemente approvato: sono certo che coloro i quali avranno il compito di realizzarlo (Giovanni Bazoli, Gian Maria Gros Pietro e Carlo Messina) sapranno farlo, come sempre, al meglio”.