Silvio Berlusconi ci ricasca. Dopo avere dato nel 2003 del “Kapò” all’europarlamentare tedesco Martin Schulz, oggi a Milano, in occasione della presentazione delle euro-candidature di Forza Italia, torna sull’argomento: “Non volevo offenderlo, ma al contrario gli ho fatto una campagna straordinaria”. Secondo l’ex premier, Schulz non ama l’Italia: “Votare per la sinistra significa votare per lui”. E poi la gaffe finale: “Per i tedeschi campi di concentramento non sono mai esistiti”  di Francesca Martelli