I servizi sociali per il condannato Silvio Berlusconi non inizieranno ancora: dopo l’incontro di giovedì alla sede dell’Uepe, l’ufficio di esecuzione penale esterna che deciderà insieme all’istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone (Mi) quali mansioni svolgerà il leader di Forza Italia, è ancora tutto fermo. E’ lo stesso ex premier a confermarlo all’uscita dalla presentazione dei candidati alle Europee per il Nordovest: “Aspetto una telefonata, non inizio lunedì”. Durante la trasmissione televisiva Porta a Porta aveva proposto di intrattenere gli ospiti della Rsa di Cesano Boscone con dibattiti culturali e politici, e ora dice: “Non sono preoccupato”  di Francesca Martelli