Il segretario della Lega Nord non rinuncia a una fotografia davanti al carcere di Verona che poco più tardi posterà sul suo profilo twitter: si chiude così la visita di Matteo Salvini ai secessionisti veneti ancora detenuti, dopo l’inchiesta della procura di Brescia. Si tratta di Patrizia Badii, del marito Luca Vangelista, di Elisabetta Adami e Maria Luisa Violati: “Queste persone dovrebbero essere a casa e al lavoro, non in galera”, ha detto Salvini nonostante le voci critiche espresse nelle scorse settimane proprio dai promotori dell’indipendenza del Veneto verso l’operato della Lega Nord di Francesca Martelli