Al termine del suo intervento durante le dichiarazioni di voto sulla questione di fiducia posta dal governo sul dl Lavoro, il deputato M5s Marco Baldassarre ha citato il personaggio inventato da Antonio Albanese, Cetto La Qualunque: “Presidente, tra qualche giorno sarà il primo maggio, Festa dei lavoratori, voglio vederla salire sul palco in piazza San Giovanni e sicuro della bontà di questo decreto. Se qualcuno chiederà cosa farà per i lavoratori, abbia il coraggio di citare Cetto La Qualunque: “Spessamente, indubbiamente, qualunquemente… una beata minchia.”. Baldassarre è stato subito richiamato all’ordine dal presidente di turno, Simone Baldelli: “Complimenti per l’educazione, questo la qualifica”  di Manolo Lanaro