Il Barcellona potrà fare calciomercato la prossima estate. E’ questa la decisione del Comitato di Appello della Fifa, che ha accolto parzialmente il ricorso del club blaugrana contro il blocco di due sessioni di mercato per irregolarità sui trasferimenti di calciatori minorenni. Attenzione, però: la pena è soltanto “sospesa”, il Barcellona non è stato assolto dalle pesanti accuse. Il presidente del Comitato, Larry Mussenden, ha scelto questa soluzione temporanea in virtù della complessità del caso. Troppo difficile arrivare subito ad una sentenza definitiva. “Il Comitato non sembra in grado di prendere una decisione in tempo utile a garantire alla società di presentare ricorso al Tas (Tribunal Arbitral du Sport) e a quest’ultimo di decidere prima dell’inizio della finestra di registrazione”, si legge nel comunicato.

L’inizio del prossimo calciomercato, infatti, è imminente: la stagione calcistica volge al termine, il primo luglio si avvicina, tante trattative sono già cominciate. Meglio, allora, sospendere il provvedimento, consentire al Barcellona di operare liberamente sul mercato. E intanto portare avanti con la dovuta calma il processo. Così, almeno, la pensa il Comitato Fifa: “Il procedimento avrà luogo in maniera adeguata e al contempo verranno garantiti i diritti alla difesa del club”, assicura Mussenden. Che con le sue parole offre ai blaugrana un paracadute non da poco, dopo la decisione choc della Fifa di inizio aprile. Solo qualche settimana fa, l’associazione presieduta da Joseph Blatter aveva imposto un blocco totale per due sessioni di calciomercato (quella estiva di luglio e agosto 2014, e quella di gennaio 2015), per delle irregolarità nei trasferimenti di almeno dieci calciatori minorenni.

Materia sulla quale le normative Fifa si sono fatte sempre più stringenti negli ultimi anni. La società allora si era detta “tranquilla”. E la decisione odierna sembra darle ragione. Via libera, dunque, agli acquisti già programmati del portiere Marc-André Ter Stegen dal Borussia Monchengladbach e del giovane centrocampista croato della Dinamo Zagabria, Alen Halilovic (classe ’96, considerato uno dei migliori prospetti del continente e pagato 10 milioni di euro). Con loro arriveranno chissà quali altri campioni. Perché solo pochi mesi fa il vicepresidente Javier Faus aveva annunciato l’intenzione di investire sul mercato almeno 60 milioni di euro. E questo Barcellona – eliminato dalla Champions, dalla Coppa del Re e quasi fuori dai giochi in campionato – , dopo anni di vittorie sembra aver bisogno di rinnovamento. La sanzione della Fifa lo avrebbe reso impossibile. Invece, almeno per la prossima estate, il mercato del Barca è salvo.

Twitter: @lVendemiale