Il Ministro per le riforme Costituzionali e per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi spegne e nega polemiche sulla riforma del Senato che oggi verrà varata dal Consiglio dei Ministri: “Non è una riforma contestata, in realtà io sento pareri molto favorevoli, anche questa mattina, come nei giorni scorsi ho partecipato ad incontri con i più illustri costituzionalisti”.  “Zagrebelsky?”, chiedono i cronisti. “Non lui, ma altrettanto illustri costituzionalisti di livello e in realtà c’è una considerazione favorevole su questa proposta di riforma – replica la Boschi – per altro l’eliminazione dell’elezione diretta dei Senato erano anche le conclusioni a cui erano pervenuti ‘i saggi’, quindi non stiamo facendo niente che va contro la Costituzione, ma semplicemente la trasformiamo per attualizzarla. I tempi sono maturi e le scelte vanno fatte, avevamo detto che entro marzo avremmo presentato la nostra proposta e noi manteniamo le promesse”. La presidente della Camera Laura Boldrini non si sbilancia: “Io non vorrei entrare nel dibattito, ho visto il manifesto dei di alcuni costituzionalisti, è importante che nel Paese ci sia un dibattito su questo perché la materia è importante ed è giusto affrontarla con tutte le critiche e i suggerimenti per arrivare a qualcosa che mira a migliorare il nostro sistema e non a d indebolirlo”  di Manolo Lanaro