Era la primavera del 2012 quando commentavamo l’imminente lancio nel mercato Uk del servizio NowTv servizio over-the-top di BSkyB. Al di là della relativa eccitazione per l’evoluzione dei servizi televisivi online ci soffermavamo sulla scelta di Sky di non usare il proprio brand per questo servizio: “Molto intelligente la scelta di Sky di adottare un nuovo brand per lanciare questa iniziativa, potendosi così permettere di mantenere l’offerta “classica” inalterata senza attivare competizioni (o cannibalizzazioni) interne.”

In Italia sta per partire Sky Online, che è esattamente NowTv ma in questo caso a brand Sky. Cosa è successo? Qualcosa non è andato per il verso giusto. Anzi due.

Innanzi tutto rinunciare alla forza del fortissimo brand Sky nella comunicazione ha richiesto uno sforzo non indifferente per far arrivare il nuovo servizio “alla gente”. Il messaggio è stato: è forte, ricco e soprattutto affidabile come Sky. Ma non è Sky. Cari utenti BSkyB non vi preoccupate, continuate a pagare perché voi avete il meglio. Cari utenti Now TV potete fidarvi perché in realtà è Sky. Aiuto! E via di iniziative speciali con gli Sky Daily Pass super pubblicizzati sui giornali e online per far capire che NowTv è Sky ma non è Sky.

In Italia si è deciso di fare pulizia. Sky Online è Sky. Punto.

Poi è successo che i numeri non sono esplosi, neanche in Uk. Si dirà: tanta concorrenza, li c’è addirittura Netflix. Non c’è dubbio, ma 50.000 subscribers di NowTv per il primo anno sono comunque un po’ pochini. Tant’è che il Ceo di BSkyB ha tenuto a precisare che: “In Uk oltre 10 milioni di utenti televisivi non possono collegarsi ad Internet”. Manca la banda (e neanche troppo larga perché qui è tutto in SD) ed è – anche – per questo che i numeri non sono arrivati.

In Italia la situazione è come potete immaginare ancora peggio. La banda latita e l’offerta fibra (in realtà per lo più VDSL2) è partita veramente solo ora.

Perché quindi Sky ha voluto lanciare lo stesso questo servizio che per il momento non sembra destinato a migliorare la situazione dell’azienda in Italia? Probabilmente il motivo vero è che comunque vale sempre la regola di marcare a uomo i competitor per non farli scappare da soli a far goal. Poi perché non si sa mai: in tempi di crisi vale comunque raschiare il fondo del barile.

www.tommaso.tessarolo.it
@ttessarolo
www.facebook.com/ttessarolo