“Questa è una piccola riforma” parola di Antonio Saitta, presidente della Provincia di Torino e dell’Unione delle Province Italiane. Insomma fredda accoglienza per il ddl Delrio, che per il primo ministro Matteo Renzi farà risparmiare allo Stato lo stipendi e vitalizi di 3mila eletti nelle amministrazioni locali. “Le province resteranno 107 e i costi aumenteranno, ce lo dice la Corte dei Conti”, continua Saitta. Lo scorso anno da Palazzo Cisterna, sede della Provincia di Torino, era arrivata la proposta alternativa “accorpare le province, in Piemonte per esempio si poteva passare da otto a quattro – spiega Saitta – però allo stesso tempo avremmo potuto accorpare gli uffici periferici dello Stato, che hanno un peso del 60% sulla spesa pubblica nazionale”  di Cosimo Caridi