Una sostanza chimica urticante è fuoriuscita nella prima mattinata di giovedì 13 marzo da un’autocisterna all’interno del grande scalo merci intermodale di Busto Arsizio. Secondo quanto spiegato dalle autorità, la sostanza che si è sprigionata è il tripropilenglicole. Per motivi precauzionali la popolazione è stata invitata a non uscire di casa, mentre i Vigili del fuoco sono riusciti ad abbattere la nube, dall’odore molto intenso, avvertita in tutta l’area prossima allo scalo merci. Sono una ventina le persone portate in ospedale per accertamenti, tra di loro anche gli operai che stavano lavorando nel deposito di convogli quando è fuoriuscita la sostanza. Molti, tra i residenti, hanno lamentato disturbi respiratori e irritazioni agli occhi. Nella zona c’è anche un istituto tecnico, il “Tosi”, sono stati molti i genitori che hanno chiamato la scuola per avere informazioni sull’accaduto, altrettanti quelli che hanno ritirato i ragazzi per portarli lontano dal quartiere dove per tutta la mattinata l’aria è rimasta irrespirabile  di Alessandro Madron