E’ durata oltre sette ore la requisitoria dei pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano nel processo sulla clinica Santa Rita di Milano. Hanno chiesto l’ergastolo per Pier Paolo Brega Massone, ex primario della struttura. Secondo l’accusa, Brega Massone  non ha esitato “per soldi” (attraverso il meccanismo dei rimborsi regionali) a eseguire interventi inutili “con mutilazioni” nemmeno di fronte a dei “malati terminali”, dimostrando di non possedere “il senso dell’umana pietà”.  Chiesto l’ergastolo anche per l’ex aiuto di Brega Massone, Fabio Presicci, che deve rispondere di due omicidi. E’ stato il pm Pradella a rivelare, durante la requisitoria, la sua esperienza personale: “Cresciuta in una famiglia di medici” e paradossalmente chiamata a indagare proprio sulla “clinica degli orrori”  di Francesca Martelli