Antonio Albanese, Fabrizio Bentivoglio, Maya Sansa, Roberto Citran e Giuseppe Battiston, sono questi alcuni degli ospiti che parteciperanno a Fantastic Mr. Carlo, il lungo arrivederci in immagini che la Cineteca di Bologna dedica al regista Carlo Mazzacurati, presidente della fondazione culturale bolognese dal gennaio 2012, carica tenuta nonostante la malattia fino alla sua morte avvenuta poco più di un mese fa.

Nelle sale del cinema Lumiere, dal 12 marzo al 14 aprile 2014, verranno proiettati tutti i lungometraggi di finzione del regista padovano e cinque documentari, oltre ad alcune pellicole di registi non italiani che Mazzacurati amava particolarmente e aveva usato come fonte d’ispirazione per scrivere e girare i propri film. E per ricordare il collega di lavoro, l’artista, o più semplicemente l’amico, arriveranno i collaboratori che con lui hanno scritto, montato, fotografato, interpretato e prodotto una filmografia mai vista e compresa abbastanza. 

“Carlo era un cinefilo onnivoro”, spiega lo sceneggiatore di fiducia Marco Pettenello al fattoquotidiano.it (in Cineteca il 22 marzo per presentare “Sei Venezia!” ndr), “a Fantastic Mr. Fox di Wes Anderson ci eravamo ispirati per preparare La sedia delle felicità, Il Grande Leboswki per La lingua del Santo e Il buio oltre la siepe prima de La giusta distanza. Per l’umorismo dei Coen Carlo andava giù di testa, ma apprezzava molti anche altri film che non abbiamo selezionato per la rassegna come La vita privata di Sherlock Holmes di Billy Wilder. Tutto questo si accompagnava ad un’attenzione per la realtà addirittura locale senza eguali”.

La rassegna inizia mercoledì 12 marzo con Crumb, diretto nel 1994 da Terry Zwigoff e introdotto dall’editor di Adelphi Matteo Codignola, amico di Mazzacurati. Sempre il 12 la proiezione di Notte italiana, il film d’esordio che nel 1987 Alberto Farassino da Venezia definì “un film senza errori, che dà più di quello che promette, piccolo ma ben confezionato e nel senso migliore del termine”. A presentarlo saranno Marina Zangirolami Mazzacurati (moglie di Carlo), Angelo Barbagallo (produttore del film) e l’attore Marco Messeri.

E così di seguito film e ospiti si avvicenderanno fino al 14 aprile: tra gli altri, il distributore Valerio De Paolis presenterà giovedì 13 marzo alle ore 20 Il prete bello, secondo film di Mazzacurati che De Paolis produsse nel 1989; Fabrizio Bentivoglio sarà al Cinema Lumière sabato 15 marzo alle ore 18 per presentare La lingua del Santo; Antonio Albanese venerdì 21 marzo alle ore 20 per Vesna va veloce; Maya Sansa mercoledì 9 aprile alle ore 20 per L’amore ritrovato; Isabella Ragonese domenica 13 aprile alle ore 18 per l’anteprima dell’ultimo film di Mazzacurati, La sedia della felicità; a chiudere la rassegna, lunedì 14 aprile alle ore 20, Giuseppe Battiston, che presenterà La passione.

“Tra le varie eredità che Carlo ci ha lasciato aveva pronti tre soggetti”, conclude Pettenello, “non so cosa ne faremo, di solito scrivevo per e con lui, sapendo già che quelle storie le avrebbe dirette lui dietro la macchina da presa”.

Il programma completo su: www.cinetecadibologna.it