Sono contro le quote di genere, ma non contro le donne“. Così il deputato della Lega Nord Gianluca Buonanno motiva, durante il suo intervento in Aula, la sua mise singolare: una giacca bianca, con bottoni dorati, da cameriere per esprimere il proprio dissenso contro la battaglia bipartisan delle parlamentari che chiedono una adeguata rappresentanza tra i capilista dell’Italicum. Il parlamentare del Carroccio menziona Nilde Jotti e Tina Anselmi: “Due donne che hanno dimostrato capacità e senso dello Stato in più occasioni. Non credo sia giusto fare queste quote di genere: più che una tutela mi sembra un’autotutela. La valorizzazione delle donne si ha perché loro sono capaci e in gamba”. E rivolgendosi a Laura Boldrini, osserva: “Penso che anche lei sia presidente della Camera non in quanto donna, ma perché ha delle capacità. Il mio è un intervento serio, perché allora a questo punto dovrebbero essere rappresentati giustamente i giovani, i pensionati, i disoccupati. Bisogna avere allora tutte le categorie rappresentate