div class=”meride-video-container” data-embed=”3008″ data-customer=”sp” data-nfs=”sp” data-width=”630″ data-height=”354″ data-autoplay=”true”>

Parla Arcangelo De Falco che da mesi è disoccupato perché iscritto alla Fiom. Ed al tempo stesso è molto arrabbiato: “Mio fratello non c’è più, ha cercato di vivere dignitosamente, ma nessuno si è fatto sentire”.
E ricorda che la sua famiglia è sempre vissuta nelle regole ed è morto da innocente: “È stato ucciso da questo fisco grande con i piccoli e piccolo con i grandi”. Arcangelo racconta con commozione la storia del fratello, sentitosi umiliato con la moglie inginocchiatasi davanti agli uomini del tribunale. E accusa duramente gli ispettori del lavoro