Non rientra nei parametri stabiliti dall’Autorità per l’energia elettrica ed il gas (che disciplina le forme e i modi di pagamento delle bollette) per la rateizzazione del suo debito. Così una signora di quasi 90 anni di Villasanta, in provincia di Monza e Brianza, dovrà pagare in un’unica soluzione i seimila euro che deve all’Eni, la società che le fornisce il metano. Un’assenza prolungata da casa per un ricovero in ospedale e qualche problema con la banca le hanno impedito di regolarizzare diverse mensilità. Ma con una pensione di nemmeno 700 euro, per la novantenne Dodilia Petrini quel debito pesa troppo. “O riesco a vendere le opere del mio defunto marito”, spiega la vedova di Bruno Cipolla, scultore e pittore molto noto a Monza e nel milanese, “oppure la faccio finita”. E disperata minaccia: “La mia tentazione è di mandar giù un bel po’ di pillole e non pensarci più, né al gas, né a niente” di Fabio Abati