Generazione Reporter anno III. Michele Santoro e l’Associazione Servizio Pubblico lanciano la terza edizione del premio per videoreporter emergenti. L’obiettivo, come nelle precedenti edizioni, è promuovere e valorizzare talenti emergenti nell’ambito del giornalismo di inchiesta.

In palio quest’anno un contratto di lavoro della durata di sei mesi con la redazione di Servizio Pubblico e la pubblicazione del video sui siti di Servizio Pubblico e de Il Fatto Quotidiano. Nella prima fase, i candidati – di età compresa tra i 18 e i 30 anni – dovranno inviare un reportage realizzato esclusivamente da loro, della durata massima di 7 minuti, che racconti un aspetto della realtà che sia di pubblico interesse.

Il video potrà anche essere un estratto di 7 minuti tratto da un reportage di durata maggiore. Una commissione formata da Carlo Freccero, Giulia Innocenzi, Peter Gomez, Sandro Ruotolo, Alessandro Renna, Stefano Maria Bianchi, Mauro Ricci, Maddalena Oliva e Giuseppe Vitale selezionerà i tre finalisti tra i video pervenuti. Successivamente i giovani videoreporter dovranno realizzare un ulteriore reportage che sarà girato e montato con mezzi tecnici e personale messi a disposizione dalla redazione di Servizio Pubblico.

Il tema del nuovo reportage verrà comunicato dopo la selezione dei tre finalisti. Infine, i reportage prodotti in questa seconda fase verranno giudicati attraverso una votazione online. Ad esprimersi sarà una giuria popolare, composta dalla “Rete dei Donatori di Servizio Pubblico” e dagli “Abbonati de Il Fatto Quotidiano”, che decreterà il vincitore.

I video, su supporto Dvd, dovranno essere spediti entro il 31 marzo 2014 presso la redazione di Servizio Pubblico (Circonvallazione Clodia 76/a – 00195 – Roma).

Regolamento e modulo d’iscrizione sono scaricabili dai siti di Servizio Pubblico e dellAssociazione Servizio PubblicoPer informazioni: generazionereporter@serviziopubblico.it