Nel giorno del voto di fiducia in Senato, il giurista ed ex candidato al Quirinale, Stefano Rodotà, bacchetta il nuovo premier sui temi dei diritti civili e della laicità: “Ho sentito poche battute di Matteo Renzi su questo argomento, e sono state molto evasive”. Così dunque a margine di un incontro organizzato dal Comune di Parma in occasione della ‘Giornata dei diritti’. L’ex Garante della privacy teme che il governo appena formato, in nome delle larghe intese, non riesca ad affrontare alcune questioni, come le unioni civili e il fine vita. “Renzi ha detto che bisogna tenere conto del punto di vista degli altri ed essere pronti ai compromessi. Ma ci sono valori non negoziabili e – continua – sui quali si sono già espresse la Corte Costituzionale e la Cassazione. Allora la parola coraggio Renzi la usi anche su questo terreno”  di Giulia Zaccariello