Gli avvocati scendono in piazza a Roma contro i provvedimenti sulla giustizia fatti dal 2009 a oggi. “Sentenza a pagamento, costi elevati per avviare una causa civile, marche da bollo onerose, la giustizia è sempre più elitaria, e non tutti i cittadini possono tutelare i loro diritti come recita l’art.24” afferma Marco Vaglio presidente dell’ordine degli avvocati di Roma. “La nostra protesta va a oltranza fino a quando non ci ascolteranno” aggiunge il presidente Nicola Marino dell’Oua (organismo unitario avvocati italiani). “Bisogna aprire un tavolo di concertazione anche con gli avvocati, Renzi o il prossimo ministro della Giustizia si interessi delle nostre proposte” chiosa Marino. Tra i manifestanti, circa 10mila, molti giovani avvocati. “Non è più un lavoro elitario come un tempo, non siamo una casta, soffriamo la crisi come tutti, protestiamo contro uno Stato vampiro, come gli operai contro Marchionne”  di Irene Buscemi