Alla fine, dopo varie proroghe, è arrivata l’esecuzione dello sfratto con tanto di manganellate contro il presidio dei comitati “Abitare San Siro”. Succede in via Inganni a Milano, dove gli agenti hanno accompagnato l’ufficiale giudiziario che ha ripreso possesso di un appartamento nella periferia sud occidentale della città. A farne le spese una famiglia di migranti, madre, nonna e un bimbo di due anni, già assegnataria di una casa d’emergenza che però non è stata ancora consegnata. In attesa che Aler provveda, gli sfrattati sono stati trasferiti in albergo (immagini concesse da Il Cantiere di Fabio Abati