Non siamo armati e non siamo pericolosi
soprattutto non abbiamo alternativa.
Ed è inutile lamentarsi se a settembre
non troviamo la buca piena di cartoline.
Chi non spedisce
non riceve
e noi a livello di spedire, per spedire
spediamo mica.
Ma beviamo.
Noi, a livello di bere
per bere, ci diamo.
Beviamo così tanto da non saper più niente.
Ti è mai capitato di non saper più niente?
Fa paura.
E se dura più di quarantatré secondi, ci puoi rimanere.
A meno che tu non sia uno di quelli
che non sa più niente da sempre.
Beh, in tal caso io ti benedico.
Benedico te e il tuo cane.
E tua moglie.
Non hai un cane?
Accetti consigli?
Procuratelo.
E se c’è una cosa che ci piace da matti
è andarcene via senza salutare nessuno.
E se pensi
che i tuoi occhi non abbiano un potere scardinante
nei confronti dei miei
di occhi
e del mio stomaco, del mio cuore
e dei miei polmoni
beh, sei sulla cattiva strada, bambina
stai percorrendo la strada sbagliata.
Ora:
ci siamo accorti tutti
o tutti accorgerci dovremmo
che siamo deliziosamente vicini alla fine.
E se ti sembra che io sia un uomo confuso
siamo in due.
Vorrei andare in guerra solo per aver motivo
di scriverti lettere d’amore d’un certo peso.
Lo so
m’accopperebbero secco alla prima carica.
Aperto di baionetta come una scatola di tonno.

In conclusione:
se io fossi un faro
tu una nave nella tempesta
ti raccomandassi l’anima al dio del mare
o a chi ne fa le veci.