L’Aula della Camera è impegnata nell’esame dei circa 120 ordini del giorno al decreto Carceri. Tra i primi ad essere messi in votazione quelli presentati dai deputati della Lega Nord, che a turno intervengono in dichiarazioni di voto praticando l’ostruzionismo. Stessa cosa – riferiscono fonti parlamentari – faranno i deputati M5s che hanno depositato 98 odg. E, quando inizia a parlare il deputato del Carroccio, Gianluca Buonanno, scoppia la bagarre. Dopo le manette mostrate durante il voto di fiducia, il leghista mostra un cartello contro i deputati Pd, definiti “complici dei mafiosi“. Dopo averlo richiamato per due volte, il presidente di turno dell’assemblea Luigi Di Maio (M5S) lo ha espulso dall’aula  di Manolo Lanaro