Blitz negli nella sede del Partito democratico a Roma, nel quartiere della Garbatella. Nella notte tra giovedì e venerdì ignoti hanno devastato gli uffici al secondo piano che ospitano la segreteria regionale e le federazioni della Capitale e della provincia, in via delle Sette Chiese. Lo rendono noto in un comunicato congiunto le segreterie del Pd del Lazio, di Roma e della provincia.

“Un’azione che ha colpito – spiega la nota – tutti i locali in uso al Pd che sono stati completamente messi sotto sopra. All’apertura degli uffici questa mattina gli impiegati e i volontari del Pd hanno trovato gli uffici e le sale riunioni completamente devastate, con cassettiere distrutte e uffici danneggiati”.

“L’irruzione è stata prontamente denunciata agli inquirenti che esattamente due mesi fa, erano dovuti intervenire per un’altra grave intrusione, avvenuta nella notte del 24 novembre. Negli uffici di via delle Sette Chiese – conclude il comunicato – sono intervenuti sia la polizia che i carabinieri che, insieme ai responsabili del Pd, stanno svolgendo i rilievi e le verifiche del caso, utili per le indagini”. Negli uffici del Pd di Roma e Lazio è giunta la polizia scientifica e i carabinieri che vaglieranno le immagini di alcune telecamere di sicurezza. I malviventi, che hanno agito esattamente due mesi dopo un’altra irruzione nella stessa sede, hanno anche devastato le macchinette del caffè per portare via i soldi. A quanto si apprende, sarebbero entrati dal tetto.

Quanto accaduto, spiegano dal Pd, non influirà sull’iter della presentazione delle candidature alla segreteria regionale. Entro domani alle 20 gli aspiranti-segretari dovranno depositare le candidature e le loro firme. Sabato sera o domenica mattina si riunirà la Commissione per il congresso che vaglierà le candidature e stilerà un verbale nel quale comunicherà quali saranno ufficialmente accettate.