Un giorno di tempo per rispondere al sondaggio e proporre il nome di un ministro da eliminare del governo Letta: a vincere il quiz “Caccia il ministro” proposto dal blog di Grillo è stata Annamaria Cancellieri. Delle 35mila risposte arrivate, il 26% caccerebbe il ministro della Giustizia, per l’affare Ligresti e le telefonate tra la titolare del dicastero e i fratelli della famiglia siciliana. “Il Movimento 5 Stelle chiese e fece votare la sfiducia, ma il Pd la salvò”, scrive il comico genovese sul suo blog, dove aveva chiesto ai militanti di indicare “quale ministro deve andare a casa”. Al secondo posto con il 12% Angelino Alfano, ministro degli Interni, “per la pessima gestione del caso Shalabayeva – aggiunge il leader del M5S – Anche per lui il M5S presentò una mozione di sfiducia e puntualmente Alfano fu salvato dal Pd”.

Con il 10% segue Mario Mauro, ministro della Difesa, “per l’acquisto degli F35 e la guerra in Afghanistan”. Il 9% caccerebbe Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, “per i 20 miliardi della Tav in Val di Susa”. Stessa percentuale per Nunzia De Girolamo, ministro dell’Agricoltura, per le intercettazioni sulla sanità in Campania: “Il M5S ha presentato una mozione di sfiducia nei suoi confronti”. Il 4% ha indicato Flavio Zanonato, ministro dello Sviluppo Economico, “per la svendita di Telecom Italia” e il 3% Emma Bonino, ministro degli Esteri, “per le armi chimiche siriane a Gioia Tauro”. Il 23% ha scelto la risposta aperta, di questi la stragrande maggioranza vorrebbe cacciarli tutti.