“Ho avuto la notizia questa mattina, molto presto, da un messaggio di Paolo (Sorrentino, ndr), ho gioito con lui e, credo, con tutto il cinema italiano”. Toni Servillo racconta così, all’Adnkronos, la sua reazione al riconoscimento tributato a La Grande Bellezza dalla stampa estera accreditata ad Hollywood, che gli ha assegnato il Golden Globe per il miglior film straniero.

Un premio considerato tradizionalmente di ottimo auspicio per la corsa all’Oscar che vedrà il 16 gennaio la proclamazione delle nomination per i premi che verranno poi assegnati il 2 marzo. Il film di Paolo Sorrentino, candidato dall’Italia, è dunque in attesa dell’ultimo verdetto prima di quello finale, forte ora sia del Golden Globe sia del riconoscimento agli Efa. “Qualunque cosa accada – commenta Servillo che per la sua interpretazione è stato premiato a Berlino con l’European Film Awards per il miglior attore – non bisogna dimenticare che i Golden Globes sono un premio molto importante. Non facciamo, come accade in Italia, che se non si vince l’Oscar non conta. Con molta semplicità godiamoci la grande gioia di questo premio molto importante. Siamo tutti molto contenti”.